Da tempo diffusa e apprezzata in tutto il territorio italiano, la pianta del ciliegio ha origini asiatiche. Ne esistono due specie principali, una produce ciliegie dolci (Prunus Avium), l’altra amarene e marasche (Prunus Cerasus): entrambe danno vita a varietà eccezionali, molte delle quali tutelate da disciplinari IGP, come il durone di Vignola.

In base alla dimensione del frutto e alla consistenza della polpa possono essere ciliegie o duroni: le prime sono più piccole, con polpa tenera, le seconde più grandi e sode.

La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio e i motivi per farne scorta sono numerosi. Duroni e ciliegie, infatti, sono ottimi alleati della salute! Ricchi di vitamine tra cui A, C e B, contengono molte antocianine, potenti antiossidanti che impediscono l’accumulo di lipidi nelle arterie e l’azione negativa dei radicali liberi.

Inoltre, la presenza di sali minerali quali ferro, calcio, magnesio e potassio, di fibre e acqua li rende diuretici, leggermente lassativi e dissetanti.

Oggi Carlotta ci prepara un clafoutis di duroni di Vignola IGP, un dolce di origine francese dalla consistenza morbida, quasi cremosa, e un gusto deciso.

ingredientiqnt.
Duroni di Vignola IGP400 g
Uova3
Latte intero200 g
Scorza di limone1/2
Zucchero100 g
Farina per dolci 100 g
Burro q.b.
procedimento
1.

Laviamo accuratamente i duroni e priviamoli del nocciolo utilizzando un levanoccioli oppure tagliandoli a metà e rimuovendolo.

2.

Imburriamo leggermente uno stampo per crostate o una pirofila da 20 cm e disponiamo i duroni sul fondo.

3.

In una ciotola sbattiamo con le fruste elettriche le uova con lo zucchero e la scorza di limone.

4.

Aggiungiamo la farina setacciata e il latte, quindi mescoliamo bene.

5.

Versiamo il composto sui duroni fino a coprirli.

6.

Inforniamo a 180°C per circa 30 minuti o finché sarà cotto sia dentro che fuori.

Ottimo nella sua semplicità, il clafoutis di duroni di Vignola IGP è perfetto abbinato al gelato alla vaniglia!

Se provate la ricetta ricordate di taggarci (@agricolafloema.it @car.lolli) così potremo vedere il risultato.

Buon appetito!